La “first Lady” del collegio cardinalizio

Non c’è dubbio che una delle personalità emergenti nella Chiesa cattolica oggi sia il cardinale Timothy Dolan, arcivescovo di New York, che Benedetto XVI ha elevato alla porpora lo scorso sabato. A lui era stata affidata la relazione introduttiva sulla nuova evangelizzazione durante l’incontro con i cardinali di venerdì 17 febbraio: l’impressione di tutti è stata ottima.

Dolan si distingue anche per la sua innata simpatia, oltre che per un carattere schietto ed espansivo, distante da certi atteggiamenti clericali. Il neo-cardinale della Grande Mela non ha rinunciato a fare battute durante l’udienza che ieri Benedetto XVI ha concesso ai nuovi porporati incontrando i loro parenti.

Dolan ha infatti presentato al Pontefice la madre, Shirley, che ha 84 anni e ha fatto notare che era uno dei pochi cardinali così giovani e così fortunati da avere ancora la mamma viva. Quindi in tono scherzoso ha chiesto al Papa se poteva proclamarla «la first lady del collegio cardinalizio».

Ratzinger ha salutato la signora Shirley Dolan dicendole: «Lei sembra troppo giovane per essere la madre di un cardinale!» L’anziana signora, per nulla intimorita, dimostrando che la battuta pronta è caratteristica di famiglia, ha replicato: «Santo Padre, questa è una dichiarazione infallibile?».

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • Print
Pubblicato il da Andrea Tornielli Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

41 risposte a La “first Lady” del collegio cardinalizio

  1. Luigi scrive:

    Una bella ventata di nuovo in una Chiesa che in Italia si è dimostrata troppo compromessa col potere al punto di favorire spudoratamente il successo elettorale di un partito “dell’amore” che sappiamo. Che dire delle cenette in casa privata di Bertone col grande corruttore (cosa può giustificare se non interessi poco chiari una frequentazione del genere?). E i Ruini e Bagnasco che nella settimana elettorale sponsorizzano apertamente una destra squalificata anche sul piano internazionale?
    Lasciamo perdere il caso di un vescovo (!!!) che pretende di contestualizzare la bestemmia (l’avrebbe fatto per un povero diavolo?). E parliamo di vescovi, cioè di figure che dovrebbero essere dei fari agli acchi di noi cattolici. Luigi

    • Jacu scrive:

      Luigi, fatti una vita: tutte le cose che racconti non hanno nulla ma proprio nulla a che fare con l´articolo postato.

      • Luigi scrive:

        Intendevo dire che anche la giovialità del neo Cardinale può portare uva ventata di nuovo e di freschezza in un ambiante ingessato e che presenta, in qualche caso, atteggiamenti e frequentazioni non condivisibili. Questo per amore verso la Chiesa! Luigi

  2. Antulio scrive:

    Pensandoci bene bene, forse non sarebbe male che il collegio cardinalizio, ogni tanto, sentisse anche il parere di una donna.

  3. Marco N. scrive:

    “…Dolan si distingue anche per la sua innata simpatia, oltre che per un carattere schietto ed espansivo, che ha poco o nulla di clericale….”

    Non riesco a comprendere il significato di questo apprezzamento.

    • il maccabeo scrive:

      ottima osservazione…ma Andrea, che succede? Conosci solo Clero che non é né schietto, ne espansivo, oltre ad essere antipatico? Spero di no.

  4. Reginaldus scrive:

    l neo cardinal Dolan…. certamente un uomo espansivo….amante delle battute, spiritose o flaccide dipende …

    “la mia prima lettera pastorale è stata una condanna della birra light e del purè”… “L’unico cardinale che ho desiderato di diventare crescendo è stato Stan Musial [famoso campione di baseball )-The only cardinal I wanted to be growing up was Stan Musial.”....“New York è cresciuta su di me- New York has grown on me”-parlando del suo primo anno da arcivescovo a New York, mentre si batteva su un fianco … e questa pericolosa se lo sente Monti: “ Risponderò a tutte le domande , fuorché a quelle sulle tasse...

    Uomo certamente poco clericale, sprovvisto completamente della gravitas dell'uomo di chiesa , se durante la messa outdoors a Milwauke il giorno stesso dell'apertura della stagione della NFL ( National Football League), a una settimana e mezzo dal suo arrivo come Arcivescovo in quella città, si pavoneggiava con un tricorno di formaggio in testa [sic] (www.novusordowatch.org/cheesehead.htm).

    Ma un uomo che diventa estremamente serio quando, arcivescovo di New York, munito delle apposite cuffie, ascolta la storia dell ‘ olocausto al museo Yad Vashem di Gerusalemme… o quando infila la fatale preghiera – la kwitel – in una crepa del (con tutta probabilità fasullo) Muro del Pianto della stessa città…

    o quando sempre arcivescovo di NY accende una candela su una ‘ menorah ‘ nel tempio ebraico Emanu-El in New York City… l’ 11 dicembre 2009.. … e addirittura indiscutibilmente categorico e dogmatico quando tratta del tema dell’olocausto: “… anche se la Shoà appartiene unicamente al popolo ebraico, fare memoria di essa è un dovere di tutta l’umanità”… “ Dinenticare la Shoà è disastroso pericoloso ed ERETICO [disastrous, dangerous, and heretical!”] .

    Personalità certamente emergente – dipende dal punto di vista – in sintonia e in simpatia con le più avanzate richieste della nuova cattolicità, come quelle sul celibato dei preti, da rendere un optional…in base alle quali gettare le fondamenta della nuova evangelizzazione…

    Un uomo schivo dagli onori che dice che essere cardinale non è una promozione ma un servizio, un servizio soprattutto alla causa terribilmente seria ed eslusiva del sionismo e della olocausto-latria, che la causa della chiesa- è diventata una causa leggera, da trattare col cappello di formaggio in testa!

    Che non sia stata questa serietà alla causa d’altri a fargli meritare la rapida carriera fino al ‘servizio’ del cardinalato???

    • minstrel scrive:

      Leggere commenti sull’ironia redatti da persone che non sanno cosa sia l’ironia è alquanto ironico.

  5. vincenzo da torino scrive:

    Il Card.Dolan è l’espressione del tipico americano come comportamento. Sembra che sia anche un buon pastore. Le osservazioni di Reginaldus, come al solito, sono estemporanee, pidocchiose ed astruse….papa subito!

    • Reginaldus scrive:

      Vincenzo Datorino: pidocchio è chi ha paura della verità: smentisca piuttosto i fatti, le mie sono osservazioni sui fatti…- sui fatti, dico, chiari e inequivocabili, che dimostrano che la leggerezza tipica di americano buontempone e sganascione di questo bel Tomo cessa improvvisamente davanti all’unico dogma rimasto nella chiesa cattolica’, quello della shoa-latria, per l’ affermazione del quale oggi si avanza nella chiesa catto-giudaica!… O si rassegni a stare chiuso come un verme nei buchi del formaggio americano di Dolan! papa subito certo, ne è ben degno, c della serie dei papi che papi non sono… e chissà che fine farà l’americanone quando anche Roma gli sarà cresciuta addosso!

  6. vincenzo da torino scrive:

    “gravitas dell’uomo di chiesa”! Mi viene in mente l’accusa e l’avversione di alcuni prelati verso Don Bosco che mescolandosi ai giovani anche nel gioco del pallone o nel raccontare facezie mancava di “gravitas”. — Credo che i vescovi, come qualunque cristiano, dedicassero maggior tempo alla preghiera e alla meditazione riuscirebbero meglio ad esercitare la loro missione. Lì si accolgono i moti dello Spirito Santo che illuminano le proprie azioni. La dispersione dello spirito e il super lavoro rischiano di inaridire lo spirito e spinge alle passioni che a certi livelli vuol dire orgoglio magari abilmente nascosto da finta umiltà , carierismo , efficenza da maneger ed immancabile poca umiltà , l’unica che porta al servizio vero e che non contraddice la fermezza ne porta al buonismo.

  7. Teseo scrive:

    Fuorviante episodio da parrocchia. La Chiesa piace così? Che la Chiesa piaccia è un brutto segno. Non deve piacere, deve guidare.

  8. Reginaldus scrive:

    Aprile 2007: il vescovo Dolan al capezzale del suo amico rabbino, prega per lui e gli chiede la sua intercessione presso Dio dal Cielo…dal Cielo…

    “rabbi Isaac Nathan Lerer era già incosciente quando Dolan , il suo amico, giunse al suo capezzale il Febbraio scorso.L’arcivescovo si tolse la sua zucchetta rossa – racconta la figlia – e la depose accanto alla kippah del rabbino, dicendo:guarda, ho un copricapo proprio uguale al tuo!” Dolan prese la mano di suo padre e pregò per lui, poi gli chiese le sue preghiere una volta giunto presso il Signore…. Bellissima la scena di amicizia, bella la preghiera per l’amico rabbino, ma raccomandarsi alle preghiere presso Dio del Rabbino del Talmud, negatore di Cristo Dio e quindi di Dio…. No, a questo punto, se a Dio si può arrivare affermandolo e negandolo, allora lasciamo perdere, quale evangelizzazione vuol predicare questo preminente prelato ora promosso alla porpora??? Quella della shoà, che se la neghi sei spacciato???

  9. Antulio scrive:

    Perché mai meravigliarsi della preghiera di Dolan per il suo amico rabbino? Noi non sappiamo assolutamente quale degli attuali Dei monoteisti esista veramente. Nè sappiamo se sia uno di quelli od un altro ancora sconosciuto.
    Lo disse perfino Kublai Khan a Marco Polo … molto saggiamente.

    • Reginaldus scrive:

      e difatti, Antulio, se legge come è scritto io non mi sono meravigliato della preghiera PER il rabbino, ma per la preghiera chiesta AL rabbino davanti al trono di Dio! E legga anche la conclusione…

      • giovannino scrive:

        Suvvia Reginaldus non ti ci mettere anche tu . Qui abbiamo fior di commentatori che vogliono insegnare a Dio come doveva creare il mondo ecc. Chi sei tu , chi siamo noi per decidere chi deve essere salvato ? Lasciamo giudicare a Colui che è morto in croce per togliere il peccato del mondo e ha dato la possibilità della salvezza a tutti .

        • Reginaldus scrive:

          Giovannino,
          tu dici: “ Dio ha dato la possibilità della salvezza a tutti…” certo, chi lo ha mai negato? L’unica possibilità di salvezza che Lui ha negata è quella che passa per la negazione del Suo Figlio! Sentire un vescovo della chiesa cattolica – e sono ormai la totalità, ivi compreso il Primo fra essi ( dico ‘vescovi’ per stare a come essi si presentano… ) che la salvezza passa anche per l’ osservanza e l’insegnamento del Talmud – negatore e bestemmiatore del Cristo di Dio – è per lo meno sorprendente, non ti pare??? Che poi Dio abbia le sue Vie, queste le conosce solo Lui, e non le stabiliamo noi, nemmeno il bontempone Dolan… Ma secondo te che insegnamento mi danno questi moderni pastori se essi ora mi dicono : ma lascia perdere, Chiesa o non Chiesa, Cristo o non Cristo, gli credo o gli sputo addosso ( leggere il Talmud, prego!) Dio alla fine abbraccia tutti e tutti diventano amici suoi e noi possiamo raccomandarci a loro che preghino Dio per noi???

      • Antulio scrive:

        Sottile distinzione, Reginaldus,
        la sua, ma il dubbio fondamentale, così come espresso da Kublai, resta intatto, per quanto si affermi il contrario: nessuno conosce quale sia il Dio che esiste veramente, né se veramente esista.

        • Reginaldus scrive:

          Antulio,
          come avrà capito io rispondo a quelli che si dicono cattolici e non s’ accorgono delle infinite contraddizioni in cui si sono avviluppati volendo salvare capra e cavoli ( detto con rispetto…). Io non pretendo certo di ‘dimostrare ‘ l’esistenza di Dio ai non credenti, e l”unicità di Dio Trinità di Persone…. Ognuno è adulto e vaccinato e decide e vedrà ( mai sentito parlare del famoso ‘pari de Pascal’, uno che non le beveva certamente facilmente, pare…): ma una cosa non riesco a sopportare, per quanto mi riguarda: che uno dica di professare una fede smentendola grassamente !

  10. Cherubino scrive:

    mi sembra che questi piccoli scambi testimonino l’allegrezza e la benevolenza doni dello Spirito Santo

  11. Cherubino scrive:

    pardon, frutti dello Spirito Santo

  12. Eremita scrive:

    Ci eravamo illusi che la storia, anche quella della chiesa, avesse chiuso per sempre nelle segrete del passato certe idee, ma ora, come in un film dell’orrore, le vediamo imperversare tra di noi quali replicanti e zombies da incubo.

    • Reginaldus scrive:

      siamo arrivati v al punto che usare rispetto per la logica ( la logica di ognuno, ché ognuno ha la sua …) sia da replicanti e da zombi…. E che me ne faccio della mediazione di questi religiosi catto-talmudisti, che ora ci prendono per i fondelli raccontandoci tutto il contrario di quello che ci veniva raccontato fino a ieri da quelli che indossavano gli stessi paludamenti… Che cambino mestiere se hanno dignità, o che escano dalla finzione idiota dell’ ermeneutica della continuità, e dicano chiaramente che la loro chiesa è senz’altro migliore, appunto perché diversa dalla vecchia…. Non c’è orrore più spaventoso e penoso della finzione: e in questo orrore ci sono cascati in pieno i finti e falsi replicanti della chiesa di Cristo!

  13. Erwin scrive:

    è ancora vivente la madre del card. Schoenborn, il quale è stato creato cardinale nel 1998.

    del neo-cardinale Woelki vivono ambedue genitori.

    non credo che sia talmente raro.

  14. andrea scrive:

    Mons. Williamson, si consoli, non è solo in questa Chiesa!

  15. emiliano scrive:

    Come siete pallosi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  16. xagena scrive:

    Gay? Drag Queen? Transgender?

  17. don Luca scrive:

    Vivere con Cristo ed in Cristo dona gioia e pace. A tutti gli arrabbiati musoni abbondanti dispensatori di gravitas un appello: convertirsi a Cristo, gioia del mondo. Imparando dalla giovialità e freschezza di questo Papa la cui gravitas non sta nella spocchia clericale, ma nella freschezza di un rapporto autentico con Gesù crocifisso e risorto.

    La Chiesa non deve piacere al mondo, me neppure pensare che il modo migliore per guidare il mondo sia essere antipatica e musona. Venga combattuta sulle idee, si chiama martirio, ma giustamente bacchettata sugli atteggiamenti antipatici ed inumani, si chiama incarnazione.

    • Sal scrive:

      @ Luca
      “convertirsi a Cristo” ? e che significa ? come si fa ? C’è un errore mi permetta don, se lei dice : “Imparando dalla giovialità e freschezza di questo Papa” Non risulta che cristo avesse l’ermellino con le scarpette rosse e la papa mobile.
      E se dice : “ venga combattuta sulle idee”, non credo che i fondi IOR che vanno in Germania sia quel martirio ! E se la gravitas del martirio è il torrione Nicolò V lei è ancora in errore.
      E un’altra idea per es. su cui “combattere” potrebbe essere la trinità. Lei come la spiega ? Il Catechismo recita:
      “234 Il mistero della Santissima Trinità è il mistero centrale della fede e della vita cristiana.”
      “237 La Trinità è un mistero della fede in senso stretto, uno dei « misteri nascosti in Dio, che non possono essere conosciuti se non sono divinamente rivelati »…..l’intimità del suo Essere come Trinità Santa costituisce un mistero inaccessibile alla sola ragione,…”

      Tanto per capire, spieghi lei come un mistero in senso stretto, che non può essere conosciuto, possa essere spiegato dalla chiesa, dato che Dio non lo ha mai rivelato a nessuno. Non le pare una speculazione gratuita ?

      E’ possibile avere fede in un mistero sconosciuto ? Potrebbe essere autoconvinzione, convizione indotta, fanatismo, o pura credulità ?
      Saluti

  18. emiliano scrive:

    Concordo con don Luca speriamo che questa Quaresima si un dono grande di conversione e si possa giungere al giorno di Pasqua con la gioia nel cuore e risorgere dai nostri errori con Cristo!

  19. Luigi scrive:

    Bravissimo don Luca. E’ tutto quì! Luigi

  20. Antulio scrive:

    Tutto diverrebbe sicuramente più chiaro se si facesse una netta distinzione fra Vaticano e Chiesa.
    Diventa sempre più evidente che le due entità non possono più stare insieme: trasmissione “Gli intoccabili” di Nuzzi.

  21. andrea scrive:

    Per favore, qualcuno faccia arrivare al neo cardinale Dolan il messaggio del Papa al clero di Roma. Umilta’. Non cercare la simpatia della gente. Dobbiamo presentare il messaggio di Gesucristo e non cercar di essere simpatico agli altri.

    • Cherubino scrive:

      che discorsi ! un conto è non cercare la simpatia della gente, un altro è essere antipatici a tutti i costi.
      E poi un ripassino sui frutti dello Spirito Santo non farebbe male: la magnanimità e l’allegrezza, per esempio.

  22. Eremita scrive:

    Si possono avere opinioni diverse: il fatto è che le idee e il modo di esprimersi di Reginaldus ricalcano pari pari le parole che negli anni ’70 usavano certi membri del clero argentino, che in unione con i militari hanno torturato ed ucciso vescovi, preti e suore, adducendo come scusa che la chiesa doveva essere ripulita da quelle che secondo loro erano deviazioni, anche col sangue. Per questo motivo mi provocano un istintivo ribrezzo, ricordando confratelli e maestri spirituali uccisi barbaramente da chi si proclamava cattolico come loro. Le idee e le parole di Reginaldus, anche se sembra non rendersene conto, alla fine portano a questi orrori. Capisco che questo mio post risulti forse incomprensibile da chi non è informato, anche perchè la Chiesa fatica ad ammettere tali fatti ed alleanze: ma negli anni ’70 i cattolici ultratradizionalisti argentini, per mezzo della dittatura, hanno ucciso vescovi preti e suore perchè, come affermò l’ordinario militare Mons. Bonamìn, la chiesa doveva essere purificata anche col sangue.

    • Reginaldus scrive:

      ma va là eremita, adesso faccio comunella coi militari argentini..Ma esci dal tuo eremo, ché lì dentro stai vaneggiando per troppo isolamento….e più che orrore susciti compassione….

  23. vitale scanu scrive:

    Amici miei, sono un po’ confuso. Dove sta la verità riguardo a questo argomento? Argomenta di qua, mistifica di là, si finisce in sentieri molto divergenti e addirittura contrastanti. Mi pongo una riflessione. Il Signore si vede arrivare una convinta preghiera di un povero pubblicano cattolico, di un umile ebreo, di un timorato e convinto musulmano, di un fedele protestante… Domanda: quale preghiera o in-tercessione rifiuterà? Quale di questi non vedrà il paradiso perché non è un buon cattolico? Non vorrei dire un’eresia, ma, mi pare che siamo tutti diversamente cristiani, se ci sforziamo di salvare almeno la nostra animaccia. Chi può risolvere il quesito? Cordialità. Vitale Scanu

    • Sal scrive:

      @ vitale scanu
      Il suo interessante quesito merita una risposta e perdoni se le dico che secondo me nessuno dei 4 otterrà ciò di cui alla preghiera. Il motivo è semplicissimo ed è scritto nel vangelo, basta leggere: “Non chiunque mi dice: ‘Signore, Signore’, entrerà nel regno dei cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli” ( Mt. 7,24)

      Non si tratta di fare molte preghiere, si tratta di fare altro. La volontà del Padre. E qui lo deve capire lei cosa vuole il Padre. Sicuramente non vuole troppe chiacchiere. ”Perciò le tue parole devono essere poche.” ( Eccl 5.2)
      “e certamente udranno le tue parole ma non le metteranno in pratica, poiché esprimono con la loro bocca desideri bramosi [e] il loro cuore va dietro al loro guadagno ingiusto” ( Ezechiele 33.31)

      Non è difficile vero ? Spero la confusione sia svanita ora.